forex trading logo


Contatti Analisi valute Come investire Mercati Finanziari

Segnalazioni

Home Analisi valute Trend valute L'euro perde terreno nei confronti delle principali valute

L'euro perde terreno nei confronti delle principali valute

PDF Stampa E-mail
Trading con Plus500 Ltd: * Trading indici | Conto demo trading | Inizia a fare trading | Trading Bitcoin Italia
*( Un trader con un conto Plus500 può negoziare CFD con strumenti finanziari sottostanti come Forex, Azioni, Materie Prime, Opzioni e Indici.
I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro a causa della leva finanziaria. 80,6% di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuta il funzionamento dei CFD e se puoi permetterti di correre un alto rischio perdendo il proprio capitale).
Analisi valute - Trend valute
Scritto da Lorenzo Sentino   
Mercoledì 19 Ottobre 2016 15:15

Trend valute euro dollaro yenNelle ultime tre sedute, l’andamento del cross euro dollaro è stato scarsamente direzionale, ma l’equilibrio di breve periodo del tasso di cambio si è costruito su quote davvero basse, sotto 1.10, sui minimi dalla metà dello scorso mese di luglio: circa due figure, quindi, più sotto, rispetto alla precedente area congestionata che aveva lungamente dominato tra agosto e settembre.


Il range di ieri ha avuto ampiezza modesta, con massimo di seduta a 1.1026 e minimo di seduta 1.0970. Il rafforzamento del dollaro realizzatosi lungo la scorsa settimana si è quindi rivelato in parte strutturale. La moneta USA è cresciuta in scia alle aspettative più aggressive relative al futuro corso della politica monetaria della Fed, dopo il miglioramento sensibile del tono dei dati macroeconomici statunitensi: il calcolo condotto sui prezzi impliciti nel mercato dei futures assegna stamane una probabilità vicina al 65% ad un aumento dei tassi della banca centrale nel corso del mese di dicembre.


Ieri le attese di policy sono state impattate anche dal nuovo dato di inflazione, che hanno visto il tasso tendenziale di crescita dei prezzi al consumo accelerare all’1.5%, nuovo massimo dalla fine del 2014, mentre l’indice core denota un quadro di persistente robustezza, con valori costantemente superiori al 2% e quindi in linea con gli obiettivi della banca centrale. I movimenti sono comunque stretti anche per l’incombenza del meeting della BCE, che oggi terrà la propria riunione di politica monetaria.


Benché non si attendano novità immediate, vi è molto interesse per anticipare le strategie future della banca centrale, stretta tra attese – probabilmente ingiustificate – di un possibile tapering (attenuazione progressiva del ritmo degli acquisti) e possibile estensione del programma di allentamento quantitativo.


Ieri l’euro ha ceduto debolmente terreno nei confronti dello yen, chiudendo appena sopra 114, sui minimi dalla fine di ottobre: si tratta di debolezza dell’euro, più che di forza dello yen, in sintonia alla traiettoria discendente dell’euro dollaro. Questo giustifica anche il vistoso ribasso della moneta unica rispetto alla sterlina, in area 0.8950, minimo dal 7 ottobre. Per quanto riguarda il mercato delle materie prime, il prezzo del petrolio sta continuando ad oscillare intorno ai 50 dollari per barile.




Lorenzo Sentino
Trader indipendente
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 19 Ottobre 2016 16:51
 


Powered by Forex-online.it! Valid XHTML and CSS.

Avviso importante sui rischi: le opzioni, il forex o gli altri strumenti finanziari offrono grandi possibilità di profitto, ma anche molti rischi. Per questo motivo il trading non è adatto
a tutti gli investitori; prima di compiere qualsiasi operazione, investimento o deposito di denaro, è necessario comprendere appieno sia le potenzialità che i rischi. Bisogna essere pienamente
coscienti delle potenziali perdite, per evitare sgradevoli situazioni. Tutte le informazioni contenute su Forex-online.it sono fornite a solo scopo informativo e non costituiscono sollecitazione
ad investimenti di qualsiasi genere. Non siamo un broker, una banca, una società d'investimento o un intermediario finanziario e non forniamo alcun servizio finanziario, d'investimento
o di trading, pertanto, non ci riteniamo responsabili per qualsiasi eventuale perdita subita dal visitatore. Inoltre, Forex-online.it non garantisce dell'accuratezza o della completezza
delle informazioni fornite, e non si ritiene responsabile per qualsiasi errore, omissione o imprecisione.